Assorbenti, guida all’acquisto

Assorbenti, guida all'acquisto

Quello delle mestruazioni è certamente un periodo delicato per tutte le donne (e per tutti gli uomini, di riflesso!) e, tra fastidi di ogni tipo, è bene affrontarlo in maniera serena. Un modo fra tutti per sentirsi in forma e a proprio agio in quei giorni, è scegliere con attenzione gli assorbenti perfetti per noi e per quanto possa sembrarci scontato, non è sempre stato così.

L’assorbente così come lo intendiamo noi, quello usa e getta per intenderci, si pensa sia stato brevettato da alcune infermiere durante la Grande Guerra (1914/1918).

In Italia, invece, il prodotto è arrivato dopo la Seconda Guerra Mondiale. Come facevano, dunque, le nostre antenate? Inizialmente utilizzando tamponi fatti di materiale assorbente come, ad esempio la spugna, e poi con tessuto tagliato e modellato.

Piccola curiosità: anche l’utilizzo di biancheria intima non è scontato! Sino a fine Ottocento le contadine non utilizzavano slip e gli assorbenti venivano utilizzati con delle cinture da chiudere in vita.

Adesso le nostre mestruazioni non sembrano poi così male, vero?

I nostri assorbenti, invece, sono davvero di ogni tipo e per ogni esigenza, abbiamo assorbenti interni, assorbenti con ali, senza ali, lunghi, medi… Vediamo insieme come orientarci durante l’acquisto.

Assorbenti, vediamo nello specifico

Assorbenti esterni usa e getta

Gli assorbenti esterni usa e getta sono i più utilizzati ed i più consigliati dai ginecologi. Sono comodi e sicuri ed offrono protezione e comodità. Il vostro ciclo è molto abbondante? Potete optare per un modello super assorbente con ali, questo garantirà maggiore aderenza agli slip. Se invece è regolare, va benissimo un assorbente di medie dimensioni anche senza ali. Per la notte possiamo utilizzare assorbenti overnight che generalmente sono più lunghi degli altri e si rivelano quindi perfetti per quando si dorme ed inavvertitamente ci si muove nel letto. Questi ultimi si possono indossare anche di giorno in condizioni di flusso particolarmente copioso facendo però attenzione a non indossare pantaloni o gonne troppo aderenti poiché potrebbero segnare le forme dell’assorbente rendendolo visibile.

Per quanto riguarda gli ultimi giorni di ciclo mestruale in cui si hanno poche perdite, è consigliato utilizzare dei salva slip, ossia degli assorbenti di dimensioni e capacità di assorbimento ridotti.

Assorbenti esterni lavabili

Questa tipologia è perfetta per le più attente all’impatto ambientale dei rifiuti, per chi soffre di particolari allergie o irritazioni e per chi vuole optare per uno stile di vita all’insegna del “naturale”.

Si tratta di assorbenti di tessuto da applicare sugli slip tramite due bottoncini. È possibile utilizzarli e cambiarli anche fuori casa prendendo dei piccoli accorgimenti e sono davvero semplici da lavare sia in ammollo che a secco.

Assorbenti interni

Qui il dibattito è aperto. C’è chi li considera poco salutari e scomodi e chi invece li preferisce a quelli esterni. Ma cosa sono esattamente? Sono dei tamponi, di diverse misure, da inserire nella vagina. Semplici da indossare, sono perfetti per chi ha le mestruazioni ma non vuole rinunciare ad un tuffo in mare. O anche per chi pratica sport e non vuole preoccuparsi di eventuali perdite e macchie.

In commercio ci sono due tipologie principali: con o senza applicatore. Per chi è alle prime armi, consiglio l’utilizzo di tamponi dotati di applicatore poiché risultano più semplici da inserire.

Ricordate inoltre che non vanno utilizzati per più di 8 ore consecutive e, se possibile, alternate l’utilizzo con assorbenti esterni.

Coppetta mestruale

Infine abbiamo la coppetta mestruale. Di cosa si tratta? È una coppetta generalemnte di silicone da inserire nella vagina. Ha fatto la sua comparsa nell’universo femminile relativamente da poco tempo ma sembra già piacere a molte donne. Per capire bene il suo utilizzo e ricevere tutte le informazioni utili vi rimandiamo al nostro articolo Cos’è la coppetta mestruale e come si usa.

Commenti