Cistite: cause, sintomi e come rimediare in maniera naturale

La cistite è un’infiammazione della basse vie urinarie che colpisce soprattutto le donne, per via della loro conformazione anatomica, ma anche gli uomini non ne sono sempre esenti. Causata da diversi microrganismi, porta bruciore e dolore durante la minzione, stimolo frequente a urinare, e in alcuni casi, sangue nelle urine. Colpisce in genere le donne in età fertile o nella terza età, e può essere collegata anche ad una predisposizione genetica.

 

I sintomi della cistite

Chi ha già avuto la cistite almeno una volta, saprà facilmente riconoscerla dai seguenti sintomi: bruciore, stimolo continuo a urinare, dolore nella parte bassa dell’addome, a volte accompagnato da sangue nelle urine. In genere i rapporti sessuali sono più dolorosi in caso di cistite e in alcuni casi, può comparire anche la febbre, chiaro sintomo di un’infezione batterica in corso.

Le cause

Il problema della cistite è di origine batterica. Il microrganismo più comune che la provoca è l’Escherichia coli, uno dei principali batteri responsabile delle infezioni a carico delle vie urinarie. L’Escherichia coli generalmente colonizza prima l’intestino ed è da lì che si sposta verso il basso, arrivando appunto alla vescica. Sembra ci siano dei fattori a rischio che agevolino la comparsa della cistite. Questi sono rappresentati dai rapporti sessuali, la stitichezza, l’arrivo delle mestruazioni e la menopausa.

 

Perché a soffrirne maggiormente è il gentil sesso?

La predisposizione femminile all’infezione della cistite, dipende dalla diversa conformazione anatomica dell’ultimo tratto escretore nella donna rispetto all’uomo, l’uretra. La brevità dell’uretra femminile che misura circa 3-4 cm e la vicinanza alla vagina e al retto, costituiscono fattori di maggior rischio per un’infezione delle vie urinarie. È per questo motivo infatti, che i batteri provenienti dall’intestino possono raggiungere più facilmente il condotto uretrale e da qui risalire fino alla vescica.

Il ruolo degli estrogeni

Gli ormoni femminili ( gli estrogeni) hanno un ruolo fondamentale nel mantenimento del normale grado di acidità del pH e della flora batterica vaginale. Infatti tale acidità scoraggia l’aggressione dei batteri patogeni. Il problema si presenta maggiormente con l’arrivo della menopausa, periodo in cui gli estrogeni tendono a diminuire, con un maggior rischio di sviluppare problemi legati alla cistite.

Rimedi naturali

1Bere molta acqua

Quando si avvertono i primi sintomi della cistite, la prima cosa da fare è bere tanto. Urinare molto e svuotare frequentemente la vescica, anche se è doloroso, è molto importante per non peggiorare la situazione. Meno si urina e più i batteri si moltiplicano nella vescica.

 

2Tisana alla malva

La tisana alla malva è uno dei rimedi naturali più facilmente utilizzabili in caso di cistite. Con la malva essiccata, si potrà preparare una tisana sotto forma di infuso, lasciando riposare in acqua bollente per 10 minuti, due cucchiaini di estratto e filtrando in seguito il liquido. È possibile consumare due tazze di infuso di malva al giorno.

 

3Uva ursina

Questa pianta può rivelarsi un rimedio utile in caso di cistite e di infiammazione delle vie urinarie. L’uva ursina viene utilizzata per la preparazione di tisane e solitamente, viene associata ad altri rimedi naturali, come gli estratti di mirtillo rosso.

 

4Succo di mirtilli rossi

Per prevenire qualsiasi problema legato alla cistite, è utile consumare il succo di mirtilli rossi, almeno due bicchieri al giorno. È inoltre possibile reperire in erboristeria prodotti fitoterapici a base di estratti di mirtillo rosso, adatti nei casi di cistite più acuti.

5Bicarbonato

Ottimo rimedio per la cistite è il bicarbonato. Basta sciogliere un cucchiaino di bicarbonato di sodio in un bicchiere d’acqua e bere quattro o cinque bicchieri al giorno. Naturalmente questo rimedio è sconsigliato per coloro che soffrono di ipertensione o problemi cardiaci, ma considerato utile a diminuire l’acidità delle urine e lo stato di infiammazione.

6Calendula

Questa pianta ha delle proprietà antimicrobiche. Per tale motivo la calendula viene spesso abbinata alla malva nelle preparazioni erboristiche, in modo tale che i suoi effetti benefici, possano essere uniti alle proprietà lenitive della malva.

7Ortica

E’ una pianta officinale in grado di donare sollievo immediato al problema della cistite. Può essere inoltre utilizzata come rimedio preventivo nelle persone che soffrono di cistiti ricorrenti. L’ortica ha proprietà diuretiche e può essere impiegata per la preparazione di tisane, utilizzandone le foglie essiccate. Bastano due cucchiaini di foglie d’ortica per ogni tazza che vanno lasciate in infusione in acqua bollente per una decina di minuti.

8Commenti

CONDIVIDI
Amante della scrittura, degli animali e dei viaggi, non vede l'ora di poter scrivere, raccontando delle future esperienze che vivrà in giro per il mondo. Una nomade digitale senza radici, curiosa e determinata a raggiungere i propri obiettivi.