Cicli abbondanti: cause e rimedi naturali

Cicli abbondanti: cause e rimedi naturali

Capita a molte donne di soffrire di eccessivi sanguinamenti durante il ciclo mestruale. Si parla in questo caso di ipermenorrea e chi ci soffre, è costretta a cambiare l’assorbente molto spesso e per diverse ore consecutive. Viene chiamata menorragia quando il ciclo mestruale rimane comunque regolare, e menometrorragia quando il flusso ematico abbondante inizia come mestruazione, ma continua anche al di fuori del periodo mestruale. Normalmente il ciclo con sanguinamento abbondante, è accompagnato anche da crampi addominali anche molto forti, a causa di contrazioni della parete uterina. Attenzione a non confondere la menorragia con la metrorragia, che è una patologia dell’utero che provoca sanguinamento eccessivo, al di fuori delle mestruazioni.

Quali sono i sintomi

I segnali più evidenti che definiscono il problema dell’ipermenorrea sono i seguenti.

  • Le mestruazioni durano più di una settimana, quindi superano il periodo normale di un ciclo.
  • L’assorbente deve essere sostituito spesso, anche ogni ora o addirittura di notte.
  • E’ possibile notare dei coaguli di sangue, anche di grosse dimensioni, nel flusso mestruale.
  • Ci si sente più stanche, affaticate e senza forza, i classici sintomi dell’anemia.
  • Non si riescono a svolgere le normali attività quotidiane.
  • Si ha difficoltà a riposare bene e a lungo durante la notte.

Le cause dell’ipermenorrea

In età giovanile, non è raro avere dei flussi abbondanti senza una ragione effettiva, ma al tempo stesso è possibile che si presentino delle cause riconoscibili.

1Squilibrio ormonale

Durante il ciclo, a seguito di diversi livelli di progesterone ed estrogeni, vi è un accrescimento regolare dell’endometrio, ovvero la mucosa che riveste l’utero. In questo caso, l’endometrio non utilizzato per un eventuale gravidanza, verrà espulso con le mestruazioni successive, senza troppe perdite di sangue. Nel caso in cui non vi sia alcuna secrezione di progesterone, cosa che può capitare nei cicli non ovulatori, l’endometrio che è cresciuto in maniera irregolare verrà così espulso, attraverso dei flussi abbondanti di sangue.

2Disfunzione delle ovaie

Come già accennato precedentemente, in assenza di ovulazione, l’endometrio si sfalderà irregolarmente provocando dei sanguinamenti eccessivi. Solitamente non si tratta di una disfunzione ovarica, ma il problema è localizzato a livello dell’ipofisi e dell’ipotalamo nel cervello.

3Fibromi uterini

Durante l’età fertile, è possibile che si sviluppino dei fibromi uterini benigni, già a partire dei 25 anni. A seconda di dove sono collocati, possono causare delle mestruazioni con perdite ematiche molto grandi.

4Polipi

A volte possono capitare delle mestruazioni abbondanti a causa di polipi. Si tratta di piccole formazioni che si trovano nell’endometrio, dalla forma di 3 o 4 cm che possono causare questi problemi. Solitamente vengono quindi asportati per scongiurare patologie più gravi.

5Cancro all’utero e alle ovaie

Sebbene si tratti di cause molto rare, il cancro all’utero o alle ovaie, rappresenta delle possibili cause di mestruazioni molto abbondanti.

6Dispositivo intrauterino

Maggiormente noto col nome di spirale, un effetto collaterale di questo prodotto riguarda i flussi mestruali eccessivi. In questi casi può essere sostituito con un’altra tipologia intrauterina, che ridurrà la quantità di sangue espulso col ciclo.

Rimedi naturali

Dopo un’attenta visita ginecologica che ha escluso eventuali patologie gravi, è quindi possibile adottare dei rimedi naturali che aiutano a contrastare il fastidioso e doloroso problema dei cicli abbondanti. Si possono utilizzare delle erbe officinali che hanno proprietà sedative, analgesiche e rilassanti, come ad esempio il caulophyllum, l’idraste e l’agrimonio. Alcuni medici consigliano inoltre di ricorrere anche alla fitoterapia, utilizzando estratti di piante come Rubus idaeus, Bursa pastoris e Achillea millefolium e di assumere particolari oligoelementi. E’ quindi importare inserire nella propria dieta, il manganese che influisce sulla circolazione e sulla coagulazione e il magnesio che interviene sulla contrazione dei vasi sanguigni. Da non sottovalutare l’utilizzo dei fiori di Bach che possono essere assunti più volte al giorno, attraverso una somministrazione sottolinguale.

7Commenti

CONDIVIDI
Amante della scrittura, degli animali e dei viaggi, non vede l'ora di poter scrivere, raccontando delle future esperienze che vivrà in giro per il mondo. Una nomade digitale senza radici, curiosa e determinata a raggiungere i propri obiettivi.